Perché non realizziamo i nostri sogni?

Quando ero ragazza avevo una visione romantica dei sogni, tutti lì stipati in un cassetto, rigorosamente del comodino accanto al letto. Come se i sogni notturni avessero un confine sottile con quelli diurni. Sogni ad occhi aperti che riponevo poi in quel cassetto. Che romanticona!

“I sogni sono per i coraggiosi, per tutti gli altri ci sono i cassetti”. (cit.)

Perché non realizziamo i nostri sogni? Perché continuiamo a riporli semplicemente nel cassetto.

Oggi mi chiedo cosa ho aspettato a rendere i miei sogni realtà.

“La verità è che i sogni sono fuori e noi nel cassetto” (cit.)

Che dite, usciamo dal cassetto?

Vi sembro ingenua?
Quando esco di casa e quando entro la prima cosa (e l’ultima) che vedo è questo quadretto evocativo “Follow your dreams”.
Un monito per me e per i miei cari.

Follow your dreams, segui i tuoi sogni, seguiamo i nostri sogni.

Da quando ho questo blog, devo dirvi che ho avuto delle gratificazioni e gioie che non avrei immaginato, ho conosciuto donne fantastiche che si sono fidate e sono nate delle belle amicizie, una stima e un seguirsi con sincero affetto.
Ma.
Ho avuto anche certe cocenti delusioni da chi conoscevo prima, secondo me pensano: ma questa alla sua età che pensa di fare?

L’età come un confine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Picture of Ciao, sono <i>Samantha</i>
Ciao, sono Samantha

Benvenute nel mio spazio di confronto, scambio, prospettive: l’incontro di donne allo specchio.

Continua a leggere
Picture of Ciao, sono <i>Samantha</i>
Ciao, sono Samantha

Benvenute sul blog don’t forget the mirror: l’incontro di donne allo specchio.

Continua a leggere
in evidenza

Articoli correlati

Storia di un viaggio alla scoperta del N° 5 di Chanel

Grasse, 5 maggio 2016 inizia il mio viaggio alla scoperta dell’iconico profumo di Chanel N° 5. Apro il diario che avevo portato per appuntarmi sensazioni e idee e vengo colta da una vertigine: nascosto nelle pieghe

Storia di un profumo di donna: il N° 5 di Chanel

“Un profumo di donna con l’odore di donna” questo aveva chiesto Mademoiselle Chanel quando nel 1921 scelse la fragranza contenuta nella quinta proposta del naso profumiere Ernest Beaux, decise così