Perché è importante fare la maschera al viso una volta a settimana

E maschera sia ma come una diva!
Amiche, tra telefonate, email, un sughetto e una montagna di panni da stirare, che dite se ci facciamo anche una maschera che toglie via tossine e impurità e allo stesso tempo dona nuova luce.

E se ci ingannano con una video chiamata? Niente paura, un turbante, un rossetto, orecchini o collana eccentriche e diventiamo subito dive!

Perché è importante fare la maschera una volta a settimana?

Perché la maschera slega le cellule morte da quelle “vive”, leviga e stimola il turn over cellulare. In modo che i trattamenti che facciamo poi possano penetrare ed essere efficaci.

Per fare un esempio, come dico sempre, prima si pulisce e poi si mette la cera al nostro parquet, la stessa cosa accade anche per il nostro viso: prima puliamo (con la maschera) e poi trattiamo con la crema abituale.

In questo caso, ho usato Maschera Purificante e Illuminante Istantanea, due fasi.

Prima fase

La prima è purificante all’argilla che detossina e purifica in soli 5 minuti, poi si sciacqua con un guantino o direttamente con l’acqua.

Seconda fase
la seconda fase è illuminante con un mix di oli essenziali (ne basta una piccola dose) che nutre e dona vigore, per 5 minuti e poi si massaggia l’eccesso.

Grazie a Darphin per il prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Picture of Ciao, sono <i>Samantha</i>
Ciao, sono Samantha

Benvenute nel mio spazio di confronto, scambio, prospettive: l’incontro di donne allo specchio.

Continua a leggere
Picture of Ciao, sono <i>Samantha</i>
Ciao, sono Samantha

Benvenute sul blog don’t forget the mirror: l’incontro di donne allo specchio.

Continua a leggere
in evidenza

Articoli correlati

Storia di un viaggio alla scoperta del N° 5 di Chanel

Grasse, 5 maggio 2016 inizia il mio viaggio alla scoperta dell’iconico profumo di Chanel N° 5. Apro il diario che avevo portato per appuntarmi sensazioni e idee e vengo colta da una vertigine: nascosto nelle pieghe

Storia di un profumo di donna: il N° 5 di Chanel

“Un profumo di donna con l’odore di donna” questo aveva chiesto Mademoiselle Chanel quando nel 1921 scelse la fragranza contenuta nella quinta proposta del naso profumiere Ernest Beaux, decise così